Fantapolitica 2012: ovvero inizio della fine del mondo (vecchio articolo ripubblicato)


Non chiamatemi Cassandra, ma io nel marzo 2010 avevo scritto questo articolo ipotizzando uno scenario apocalittico… Quanto avrei preferito essermi sbagliata!

2012: Silvio Berlusconi in un’ ennesima manifestazione di idiozia dei suoi vertici e/o dei magistrati decide di lasciare la politica, si dimette da un giorno all’altro con un discorso strappalacrime in cui dice di voler stare piu’ vicino ai suoi figli (che ormai hanno tutti 40 anni…) e di voler concentrarsi nel fondare l’Universita’ delle Liberta’, che diventera’ il secondo polo universitario d’Italia dopo la Cattolica.

Le elezioni vengono convocate per il 30 gennaio 2013
Partiti che si presentano alle elezioni:
Giustizia e Liberta’
Leader: Niki Vendola o Luigi de Magistris Vertici: Bersani, Di Pietro, Beppe Grillo, Luigi De Magistris, Donadi, Rosy Bindi, Piero Micca

La Federazione del Buon Senso
Leader: Luca Cordero di Montezemolo
Vertici: Gianfranco Fini, Paolo Mieli, Pierferdinando Casini, Francesco Rutelli, Walter Veltroni, Marco Follini, Massimo Cacciari, Rocco Buttiglione, Massimo d’Alema, Dario Franceschini, Franco Frattini, Italo Bocchino, Flavia Perina, Enrico Letta, Magdi Allam

Lega per le Liberta’
Leader: Roberto Cota,
Vertici: Silvio Berlusconi, Renato Brunetta, Sandro Bondi, Roberto Maroni, Scajola, Capezzone, Bricolo, Martino, Formigoni

Partito della Nazione
Leader: Storace
Vertici: Alemanno, Mussolini, scontenti ex An, Ex PDL

Partito Radicale
Leader: Cappato (se muore Pannella, altrimenti e’ impossibile)
Risultati elezioni:

La Federazione del Buon Senso ottiene il 41% dei voti validi, portando avanti una campagna su 3 idee di riforme per il paese bipartisan.
La Lega per le liberta’ ottiene il 33%, ma al Nord arriva al 45%
Giustizia e Liberta’ alleata con i Radicali ottiene il 21%
Partito della Nazione: 5%
Grandi feste per Luca Cordero di Montezemolo, Fini e Casini.
Il governo entra in crisi pero’ dopo solo 4 mesi (di liti) perche’ i vertici non riescono a mettersi d’accordo neanche sui posti a sedere della Camera.
Intanto la Lega per le Liberta’ si organizza, parte il progetto di secessione:
Una squadra di militanti in camicia verde e azzurra sequestra e tortura 42 soldati svizzeri in servizio nel Canton Ticino. Partono i negoziati, ma il governo e’ allo sbando e la diplomazia e’ rallentata dalla politica. I negoziati falliscono. La situazione si fa critica.
Per la prima volta nella storia la Svizzera decide di intervenire militarmente, e annuncia la dichiarazione di guerra all’Italia per oltraggio a pubblico Cioccolato.
La Lega delle Liberta’ ascolta con entusiasmo il minaccioso annuncio trasmesso a reti unificate.
Partono centinaia di squadre armate in direzione Emilia Romagna e Toscana: Bologna, Prato, Firenze, Pisa e Livorno vengono riempite di armi e militari. Il coordinatore militare della Lega per le Liberta’, Roberto Maroni convoca 145000 soldati cinesi (45000 sono gia’ a Prato) e 50000 indiani, vengono tutti inviati in quelle citta’. Il popolo si il perche’ di cotanto investimento militare in quelle zone.
La Svizzera occupa con facilita’ Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto ed Emilia Romagna, che vengono annesse militarmente alla Confederazione. Fuochi d’artificio a Milano e Verona, dove scendono in piazza caroselli e marce carnevalesche con ballerine brasiliane (e venete).
Il resto d’ Italia e’ salvo.
Forse.
Perche’ non abbiamo ancora detto cosa fa Mastella, che prende il comando e…….
To be continued.
Elisa Serafini

2012Doomsday-214x300

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...