La secessione della California (perchè piccolo è bello!)


Nessuno scandalo, nessun grido di allarme. È stata ascoltata senza perplessita’ e rancori ideologici la proposta di secessione di 13 contee sudcaliforniane di Jeff Stone, esponente repubblicano e membro del Comitato Esecutivo della Contea di Riverside. Jeff Stone raccoglie ed espone quella voce che da tempo si leva tra i vigneti del sud del grande stato della California (37 milioni di abitanti). Troppo stato, troppo grande, troppo poco efficiente, troppo tassato. E così il consigliere Repubblicano si è fatto avanti con una vera e propria proposta di secessione delle contee del Sud, per creare il nuovo “State of South California”. Le contee interessate sarebbero 13, resta esclusa la contea di Los Angeles, mentre rimane quella di San Diego che conta oltre 3 milioni di abitanti. Quella di Stone, non è la prima proposta di secessione da uno stato, o dagli interi Stati Uniti (pensiamo alle costanti rivendicazioni di secessione del Texas). Una sempre essere la teoria: la centralizzazione non fa bene. Non fa bene al mercato, non fa bene all’individuo. Non bisogna certo scomodare Hoppe o Miglio per constatare che ovunque, le “piccole” dimensioni di uno stato (sia esso parte di uno stato federale o sia esso stesso stato sovrano) garantiscono soprattutto un’imposizione fiscale moderata, una proposta allettante per ogni cittadino e contribuente. I piccoli stati vivono infatti in costante competizione con gli stati confinanti. Se lo stato tassa troppo, i cittadini possono emigrare anche di pochi km per trovare condizioni fiscali più favorevoli. In questo modo lo Stato, perderebbe gettito fiscale, vitale per la sua stessa esistenza. Viene a crearsi quindi una costante relazione tra efficienza/tassazione che puo’ essere controllata e misurata dal flusso migratorio dei cittadini. In questo modo lo Stato è sempre più incentivato a lavorare bene, e tassare il meno possibile. La competizione fiscale puo’ essere la vera spinta per la promozione del federalismo anche in Italia, lasciando finalmente, quell’antico e ambiguo retaggio culturale del “Secessione Nord/Sud? Perchè siamo diversi!”

ELISA SERAFINI

Link Articolo: http://www.ilculturista.it/cultura/?p=8545california

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...